Post più popolari

lunedì 4 novembre 2013

Gabrio Gentilini, l’ex Tony Manero de La febbre del Sabato Sera si racconta

544607_497482313632033_1787068580_n Classe 1988, nativo di Faenza. Professione: attore. È giovanissimo, ma ha un gran talento e quando lo abbiamo visto la prima volta a Mamma Mia!, in mezzo a un cast sorprendente, abbiamo pensato potesse andare avanti. La stagione successiva lo rivediamo come protagonista de La Febbre del Sabato Sera. E proprio in questi giorni è a Milano con lo spettacolo Risate Sotto le Bombe di cui parleremo nel prossimo articolo. Parliamo di Gabrio Gentilini, che abbiamo avuto il piacere di intervistare proprio nei giorni scorsi.
Recentemente ti abbiamo visto al Teatro Nazionale di Milano per il musical La febbre del sabato sera… Raccontaci brevemente questa esperienza.
E’ stata un’esperienza che mi ha arricchito e rafforzato tantissimo, sotto tutti i punti di vista: professionale, relazionale e umano. Già dai provini e ancora adesso che son passati diversi mesi, continuo ad imparare cose importanti per la mia vita professionale e non. Ad oggi è stata la “Palestra” più significativa che abbia vissuto. Mi ha insegnato nella pratica cosa vuol dire lottare, proteggere, costruire e far crescere IL PROPRIO SOGNO.
Quando reciti quanto ti senti vicino ai tuoi personaggi? Ad esempio restando su questo musical cosa accomuna Gabrio con Tony Manero?
Per me recitare significa lasciar vivere diverse parti di se stessi. Quando affronto un nuovo personaggio parto da questa domanda: “come ti comporteresti tu se vivessi quella situazione e avessi attorno quel contesto sociale?” E dal di lì tiro fuori la mia Verità. Con Tony ho trovato moltissime caratteristiche che ci accomunano. La passione per la danza, l’ingenuità e la voglia di cambiare e lottare per qualcosa di migliore e molte altre cose.
Stage_MammaMia-610x250Gabrio però è un ragazzo giovanissimo, ma sembri molto poliedrico come artista. Raccontaci chi sei e quali sono state le esperienze più significative fino ad oggi.
Le mie più grosse esperienze sono state “La Febbre” e “Mamma Mia!”. Diciamo che ho cominciato a lavorare seriamente proprio con Stage Entertainment Italy. Ma ho preso parte anche ad altri Musical come “Il libro della giungla”, “Energy story”, “Macbeth” e “Sindrome da Musical” .
28056_4718237110390_122509335_nQuali sono i tuoi progetti artistici?
Voglio ampliare ed approfondire i miei studi artistici non solo in ambito teatrale ma anche cinematografico e per farlo ho intenzione di passare un po’ di tempo in America per perfezionarmi. In più vorrei ideare e produrre cose mie. Partendo da progetti semplici e piccoli ovviamente. Ma sento l’esigenza di crearmi più possibilità per far sì che possa esprimermi al meglio.
Ti capita di interagire con il tuo pubblico, partecipare a seminari, corsi,stage? Cosa dici a chi ti chiede consigli su questa professione?
Dopo la Febbre ho cominciato a tenere qualche seminario nelle scuole per trasmettere la mie esperienza, il mio punto di vista. E’ stato davvero molto sorprendente e gratificante. Quando incontro ragazzi il concetto che ribadisco è sempre lo stesso: se questo è il tuo sogno, Vai! Non ascoltare chi ti dice che non hai possibilità. Le possibilità ce le creiamo noi. Se senti davvero di aver il talento e la determinazione per farlo, allora studia, conosci e sii disposto a metterti in discussione e in gioco sempre!
988329_10202332792310110_1543573963_nDove ti vedremo prossimamente?
Sono attualmente in scena col ruolo dell’aviatore Fred in “Risate sotto le bombe” una Commedia musicale scritta ed interpretata da Gianni Fantoni affiancato dalle Sorelle Marinetti. La mia parte è praticamente un cameo, molto allegro e divertente! Entro letteralmente con un “colpo” di scena e cambio un po’ le carte in tavola nel corso della storia! Sarò al Teatro Manzoni di Milano fino al 3 novembre e poi in tournée!
Gabrio cosa si sente più oggi: cantante, attore?
Un attore che canta.. e balla!!!!
Chiudiamo con un tuo pensiero….qualsiasi, la prima cosa che ti viene in mente…
Il mio Pensiero: Citando una canzone di un musical che adoro, “Rocky Horror Picture Show” vi lascio così: “Don’t dream it! Be it!” Grazie Monica per avermi dato la possibilità di raccontarmi un po’. Un abbraccio a tutti i lettori e alle lettrici! Vi aspetto a Teatro!
Grazie a Gabrio Gentilini, a cui auguriamo il meglio per la sua carriera professionale e per tutto ciò che nella vita vorrà portare avanti. Aggiornaci, ti seguiremo con piacere!