Post più popolari

mercoledì 18 marzo 2015

Aurora Arlandini per Avon Running: “La moda, un mezzo di comunicazione fondamentale”

La lista è lunga e non possiamo fermarci. Moda e Style vi presenta Aurora Arlandini, studentessa di Ferrari Fashion School, che sta partecipando al progetto Disegna la maglia 2016 di Avon Running!
 

OLYMPUS DIGITAL CAMERAMi chiamo Aurora Arlandini, ho quasi 22 anni e abito a Valenza, in provincia di Alessandria. Ho sempre amato disegnare e usare la fantasia. Dopo aver conseguito il diploma di liceo artistico, ho frequentato un’accademia di trucco a Milano. Prima di capire cosa volessi fare, ho trascorso un periodo di riflessione, che mi ha portato a conoscere Ferrari Fashion School. La scuola mi è piaciuta da subito, perché offriva un programma di studi personalizzato e ben organizzato. Inoltre l’idea di imparare concretamente un mestiere, traendo spunto dalla propria creatività, era molto interessante.
Sinceramente non ho la più pallida idea di cosa fare al termine del percorso di studi. Attualmente il mio unico obiettivo è imparare a ideare e realizzare capi d’abbigliamento. Nonostante abbia scelto il corso da stilista, non aspiro necessariamente a diventare una grande “firma” della moda. Anzi, certe volte credo che sarebbe molto più appagante aprire un piccolo atelier nella zona in cui vivo. In ogni caso, cercherò di restare nel mondo del fashion system, portando avanti le mie passioni.
Prima che Cristina Quintini arrivasse in Ferrari Fashion School, non avevo compreso l’importanza e la portata di questo progetto. Durante l’incontro con Cristina abbiamo scoperto le iniziative benefiche di Avon, le campagne di sensibilizzazione nelle scuole, nonché le raccolte fondi per le donne vittime di violenza domestica e per la lotta al tumore al seno. Abbiamo visionato un video girato in occasione dell’edizione 2014 di Avon Running, “la corsa delle Donne“. In tutto questo ho trovato la motivazione per partecipare a questa iniziativa, dove la moda è tra l’altro un mezzo di comunicazione fondamentale. Lanciare, poi, un messaggio positivo e forte attraverso la maglietta che verrà indossata nell’edizione 2016 è un grande onore per noi studenti, che abbiamo la possibilità di metterci alla prova per una buona causa. Alla fine non si vince, né si perde, perché partecipiamo a un progetto con finalità sociali e costruttive. Oltretutto, devo ammettere che non mi dispiacerebbe partecipare anche alla maratona…