Post più popolari

sabato 28 febbraio 2015

Naomi Grillo per Avon Running: “Creatività per emozionare”

OLYMPUS DIGITAL CAMERA 

 Tra le pagine di Moda e Style, Naomi Grillo per Avon Running.
Mi chiamo Naomi Grillo e sono nata a Milano il 27 aprile 1997. Prima di iscrivermi a Ferrari Fashion School, ho frequentato per tre anni un liceo classico. Ho scelto questo Istituto di moda perché ho sempre avuto passione per il mondo della moda in generale. Avendo, poi, due nonne sarte, sono sempre stata circondata da tessuti, macchine da cucire e cartamodelli. Fino a quando non ho deciso di stravolgere il mio percorso di studi, non avrei mai immaginato che la mia passione potesse tramutarsi in un lavoro vero e proprio. Quando sono entrata in contatto con Ferrari Fashion School sono riuscita a realizzare concretamente quello che davvero volevo, perché ho trovato un ambiente che unisce sia la professionalità, che il grande amore per questo mestiere. Ed era proprio quello che cercavo: una scuola dove poter esprimere la mia passione e svilupparla in maniera professionale.
Penso che ogni donna sia meravigliosa perché unica, e l’abbigliamento deve rispecchiare la personalità e, soprattutto, deve valorizzare il corpo e il carattere di una donna. Il fatto di poter far comprendere a una donna, attraverso il lavoro di sarta, quanto sia fantastica, mi riempie di gioia e penso sia la parte più gratificante del mestiere che vorrei intraprendere. Col tempo mi piacerebbe aprire un’attività focalizzata proprio sulla donna con lo scopo di farla sentire bellissima.
Credo che il progetto di Avon Running sia davvero meraviglioso! Soprattutto perché uno dei suoi tanti scopi é anche far sentire la donna libera e a suo agio con il proprio corpo, indipendentemente dalla taglia. Io mi rivedo molto in questo ideale; uno dei motivi per cui ho scelto questo lavoro é proprio il desiderio di far sentire una donna bella e valorizzarla anche con quello che indossa. Ci sono tanti tipi di creatività, in questo caso userò una creatività che possa colpire non solo alla vista con la sua bellezza, ma che che arrivi al cuore e possa far emozionare.