Post più popolari

sabato 4 luglio 2015

Saldi Estivi. Le date e i (soliti) consigli anti truffa

Come ogni anno, ci ritroviamo ai nastri di partenza per i saldi di fine stagione. Anche se sembra la solita solfa, Moda e Style torna a ricordarvi alcune regole da seguire per non incappare nei cosiddetti falsi affari.
Vector illustration of girl with shopping bags on the sales
Vector illustration of girl with shopping bags on the sales
Il decalogo Aduc, che leggerete di seguito, indica una serie di accorgimenti da adottare prima, durante e dopo gli acquisti, che possono aiutare e far riflettere anche le più incallite shopping addicted, che spesso per non perdere l’affare scontato, non riconoscono la fregatura.
PRIMA DI SCEGLIERE L’ACQUISTO. Sappiamo bene che l’attesa non è semplice da gestire, ma sarebbe opportuno non fare acquisti, se non indispensabili, prima dell’inizio dei saldi. Nei giorni pre-saldi sarebbe meglio fare un giro per i negozi e individuare gli articoli che potrebbero interessare, segnando i prezzi a cui vengono venduti, per poi verificare che nel periodo dei saldi il prezzo sia realmente scontato.
DURANTE L’ACQUISTO – PREZZI. Non fermatevi al primo negozio che pratica sconti, ma visitatene diversi e confrontare i prezzi esposti e la qualità della merce di riferimento.
Non lasciatevi ingannare da sconti che superano il 50% del costo iniziale. Nessuno regala niente. A meno che non si tratti di un artigiano che produce per conto suo e che nella determinazione del prezzo ha margini e logiche più ampie.
sexandthecity16_gl_12may10_rexfeatures_b_592x888DURANTE L’ACQUISTO – PAGAMENTI. Le forme di pagamento non cambiano rispetto a quelle abituali. Quindi diffidate da chi impone il pagamento in contanti, pur avendo esposta la segnalazione della convenzione con un istituto di carte di credito o bancomat. Si puo’ chiedere di usufruire di questa forma di pagamento, e in caso di diniego segnalarlo all’istituto di credito, che potrebbe anche annullare la convenzione con quel commerciante.
DURANTE L’ACQUISTO – QUALITA’. Prestate molta attenzione alle etichette che riportano la composizione dei tessuti: i prodotti naturali costano di più, quelli sintetici meno. La percentuale di composizione può variare notevolmente e incidere sul costo finale.
I capi d’abbigliamento riportano l’etichetta con le modalità di lavaggio e conviene sempre chiedere conferma al commerciante di ciò che è indicato.
Siate pignoli. Di un capo verificare se e’ di pura lana vergine o di lana. La seconda lana puo’ essere riciclata, la prima no. Di un capo di cotone chiedere la provenienza: i prodotti provenienti dai Paesi asiatici possono essere trattati con pesticidi o antimuffe che, al contatto con la pelle, possono provocare allergie;
Diffidate dei capi d’abbigliamento disponibili in tutte le taglie e/o colori: e’ molto probabile che non sia merce a saldo, ma immessa sul mercato solo per l’occasione e quindi con un finto prezzo scontato.
DURANTE E DOPO L ‘ACQUISTO. Diffidate dei negozi che espongono cartelli tipo “la merce venduta non si cambia”:esistono regole precise del commercio che impongono il cambio della merce non corrispondente a quanto propagandato o perché difettosa. Ricordatevi che non esiste il diritto di recesso negli acquisti fatti in un esercizio commerciale: per cui se si e’ sbagliata la taglia o si e’ semplicemente cambiato idea, è solo la disponibilità del commerciante che può ovviare al problema, ma non c’e’ un diritto del consumatore.
Prima di lasciarvi, vi indichiamo il calendario nazionale dei saldi, regione per regione.
Abruzzo: 4 luglio 2015 – 1 settembre
Basilicata: 3 luglio 2015 – 4 settembre
Calabria: 3 luglio 2015 – 3 settembre
Campania: 3 luglio 2015 – 29 settembre
Emilia Romagna: 4 luglio 2015 – 1 settembre
Friuli-Venezia Giulia: 4 luglio 2015 – 31 agosto
Lazio: 4 luglio – 16 agosto
Liguria: 4 luglio – 17 agosto
Lombardia: 4 luglio – 1 settembre
Marche: 4 luglio – 1 settembre
Molise: 4 luglio – 10 settembre
Piemonte: 4 luglio – 29 agosto
Puglia: 3 luglio – 15 settembre
Sardegna: 4 luglio – 15 settembre
Sicilia: 4 luglio – 15 settembre
Toscana: 4 luglio – 1 settembre
Sardegna: 4 luglio – 15 settembre
Umbria: 4 luglio – 1 settembre
Valle D’Aosta: 4 luglio – 30 settembre
Veneto: 4 luglio – 31 agosto
Alto Adige: 4 luglio – 15 agosto.
Provincia di Trento: data libera, scelta dai commercianti
… E speriamo che lo shopping non vi metta KO!
depsicologia.com.wp-content.uploads.shoppingkilla_thumb